SALVATORE SULLI, Quando a Prizzi c'era il Partito Comunista

A metà degli anni ottanta del secolo scorso, a quasi settant’anni dalla rivoluzione di ottobre, accade a Prizzi un evento epocale: per la prima volta nella storia, il Partito Comunista va al potere in quella cittadina.

LUIGI FICARRA,Comunicato sull'atto terroristico fascista di Macerata

È indubbiamente un atto terroristico quello compiuto da un esponente della Lega a Macerata, col plauso di Salvini, che lavora per ampliare il consenso attorno a scelte razziste e xenofobe nei confronti degli immigrati, nel mentre condivide le scelte governative per l’impresa colonialista ed imperialista in Niger.

GAETANO AUGELLO, La Chiesa Madre di Canicattì

Grazie al contributo finanziario di due componenti della famiglia Adamo, il barone del Monte e della Grasta don Gaetano Adamo ed il fratello don Carlo, vicario foraneo, si poterono completare nel 1765 i lavori di costruzione della nuova Chiesa Madre che, iniziati all’inizio del secolo, si erano fermati dopo la realizzazione della sola crociera. Il Duomo alla fine risultò a croce latina, incorporando gli spazi ove sorgeva il piccolo oratorio di S. Maria delle Grazie. La nuova chiesa era destinata a sostituire quella di Santa Barbara, la più antica della città dopo quella del Castello.  

VINCENZO FONTANA, Intervento alla presentazione di "Contro i ladri di speranza"

Non si può non iniziare il nostro contributo al dibattito su questa pubblicazione senza una annotazione linguistico-semantica sul titolo: “Contro i ladri di speranza - Come la Chiesa resiste alle mafie”.
   L’uso del termine “contro”, nel mio immaginario, è una scelta consapevole e rappresenta una piccola rivoluzione sia culturale sia metodologica: l’opposizione a un fenomeno, quello delle mafie, comunque e dovunque si manifesti.